Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LIVERANI "ACCENDE" IL LECCE: "ci basta una scintilla, troviamola, serve un risultato"

Martedì 7 Luglio 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Fabio Liverani chiede ai suoi un'impresa nella partita con la Lazio, per dare una svolta a una stagione che sta prendendo una china pericolosa. Ecco le sue parole alla vigilia.

Scintilla - "In questo momento sta mancando principalmente il risultato che può dare quell'entusiasmo per ripartire. Dobbiamo cercarlo a tutti i costi, per ritrovare autostima. In casa del Sassuolo la squadra ha fatto una buona partita, contro un avversario forte, credo che la strada sia quella giusta, ci manca la scintilla del risultato e speriamo di trovarlo presto".

Lotta salvezza - "In chiave salvezza nell'ultima giornata, tranne la Sampdoria che si è un po' allontanata, per il resto non è cambiato moltissimo. C'è bagarre, ogni vittoria dà ossigeno a chi la ottiene e quindi per noi è importante arrivarci. Perchè oltre ai punti in classifica in questo momento avrebbe un valore molto importante anche a livello mentale".

Sorprese - "Gli scontri diretti in questo periodo hanno un valore doppio, ma i punti bisogna provare a farli con chiunque. Le soprese sono sempre dietro l'angolo, giocando ogni tre giorni può succedere di tutto e noi dobbiamo cercare di fare punti già dalla partita con la Lazio".

Ritorni - "Siamo contenti rientrino in gruppo ragazzi come Deiola, Dell'Orco, Majer e Meccariello. L'utilizzo in partita, però, è tutto da verificare anche per quello che riguarda il minutaggio. Dell'Orco e Deiola in particolare sono assenti da tanto tempo, mentre Meccariello e Majer hanno avuto la possibilità di allenarsi un po' di più. Lapadula avrà bisogno ancora di un po' di giorni, mentre per quanto riguarda Rossettini è difficile dare una data di rientro. Inoltre sarà indisponibile Tachtsidis per squalifica".

Lazio - "Vivrò la partita come faccio sempre quando affronto le mie ex squadre. Nulla toglie il passato, come nulla toglie il presente. Saranno novanta minuti in cui ognuno penserà al proprio bene e noi in questo momento abbiamo bisogno di punti, di muovrere la classifica, di fare la prestazione. Sempre sapendo che andiamo ad affrontare la seconda della classe, probabilmente la squadra più in forma prima della sosta forzata al campionato e che ancora sta lottando per vincere lo Scudetto. Quindi si commentano da sole le differenze che possono esserci. Ma anche all'andata la mia squadra ha fatto un'ottima partita, quindi credo che abbimo le possibilità per creare dei problemi alla Lazio. Dobbiamo ripartire con un risultato positivo che ci rimetta in carreggiata".

Inzaghi - "Con Simone ci conosciamo da tanti anni, abbiamo la stessa età quindi abbiamo giocato nello stesso periodo. Con lui, Gattuso, D'Aversa, De Zerbi ci siamo incontrati per tanti anni e adesso ci confrontiamo da allenatori. Questo è un motivo di grande orgoglio, fermo restando che nei novanta minuti ognuno pensa ai propri interessi".

Personalità - "La mia squadra può fare tutto. Ha le qualità per poter creare delle difficoltà anche a una corazzata come la Lazio. Dobbiamo provarci, fare una partita di personalità di gamba, di corsa, di cattiveria. A noi non basta poco per portare via tanto, dobbiamo provarci".