Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

IL TEMA: un Lecce-Cremonese grandi numeri. Difese e attacchi a confronto

Venerdì 23 Novembre 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Quella tra i giallorossi e i grigiorossi sarà una sfida all'insegna dei grandi numeri espressi dalle due squadre, in un eccesso e nell'altro, in positivo e in negativo.

Il Lecce ha segnato 22 reti in 12 partite, una trazione anteriore che soltanto l'Ascoli è riuscita ad arginare (per il resto salentini sempre in gol). Dall'altra parte le tante reti subite: solo con Livorno, Verona e Crotone Vigorito è riuscito a mantenere la porta inviolata.

Ugualmente preoccupante il cammino difensivo della Cremonese che solo con il Cosenza, la Salernitana e il Livorno in casa e fuori solo ad Ascoli è riuscita a non prendere reti in questo avvio di stagione. "Drammatico" poi il cammino lontano da casa dei lombardi: fuori dal caro e vecchio "Zini" i grigiorossi hanno messo insieme 4 punti e appena 5 reti fatte. Un passo negativo che probabilmente è stato alla base dell'esonero a sorpresa del tecnico Mandorlini.

Restando ai numeri il Lecce potrà beneficiarsi del "pienone" difensivo, mai visto sin qui, per correggere l'andamento che abbiamo appena analizzato: con la Cremonese sarà la prima volta con disponibili contemporaneamente Lucioni, Bovo e i rientranti dalla squalifica Meccariello e Calderoni, in un reparto dove sono lanciatissime le quotazioni di Fiamozzi e Venuti, tra i migliori nelle ultime gare. Sei nomi per quattro posti e per invertire la tendenza difensiva del Lecce.