Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

"PRESO UN CLUB DESTINATO A SPARIRE". Copertina al Lecce, al magazine della Lega B parla Sticchi Damiani

Martedì 16 Aprile 2019 | Marco Errico | News

LECCE - Copertina al Lecce. L'ultimo numero del magazine della Lega di Serie B ha riservato l'intervista centrale del giornale on line (disponibile sul sito della Lega Calcio di B) al Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani.

Ecco i temi che ha trattato il massimo dirigente del Lecce nel forum della Lega di B.

Atto d'amore - "Prendere il Lecce è stato un atto d'amore, perchè sin da bambino ho sempre tifato Lecce. Ho seguito la mia squadra del cuore in casa e talvolta in trasferta, quando potevo, raccogliendo gioie e sofferenze come i normalissimi tifosi. Un atto di coraggio perchè un club di calcio è spesso in passivo e bisogna essere bravi a chiudere le stagioni con numeri ragionevoli. Insieme agli altri soci abbiamo scelto di subentrare perchè il club rischiava di sparire dal calcio, i tentativi di vincere la Lega Pro e tornare in B erano falliti sempre e la precedente proprietà era stanca di investire. Ci siamo dati delle regole: fare bene senza sperperare risorse è una di queste".

Tifosi - "Con il Benevento siamo la squadra con più spettatori: allo stadio abbiamo sempre 10mila persone, purtroppo ne perdiamo tanti nelle giornate di pioggia. Il nostro stadio non è particolarmente accogliente con una sola struttura coperta, ma i nostri tifosi sono straordinari anche lontani da casa, merito di chi vive lontano dal Salento ma ha questa squadra dentro. A Cremona eravamo in 2500, a Verona in 1800, come a Carpi e a Cittadella, quasi. Merito di tifosi che arrivano dalle sedi universitarie e di emigrazione, anche addirittura dalla Svizzera, dalla Germania, dall'Austria".

Serie B - "Quando siamo arrivati in questa categoria c'era da fare una scelta, confermare il gruppo che ci aveva dato soddisfazioni o cambiare parecchio. Siamo andati in controtendenza rispetto a chi è salito in B, abbiamo scelto di cambiare molto, puntando su giocatori di proprietà, un fatto che ritengo fondamentale per un club come questo".