Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

STICCHI DAMIANI: "è un sogno da vivere tutti insieme. Lo stadio vale come un grande acquisto di mercato, ma ora serve l'intesa con il Comune"

Domenica 25 Agosto 2019 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Alla vigilia di Inter-Lecce parla Saverio Sticchi Damiani. Ecco le parole del Presidente del Lecce a poche ore dal debutto della "sua" splendida creatura, portata in due anni dalla C alla A.

Sogno - "Arriviamo ad affrontare l'Inter a testa alta, tutti, noi e i tifosi: uno di loro costa quanto tutto il Lecce, ma proveremo a fare calcio come sempre, come vuole il nostro mister, come piace a questa società".

Ringraziamenti - "Voglio ringraziare i tifosi che hanno dato fiducia a questo nostro lavoro estivo a scatola chiusa, non chiedono niente, hanno voluto solo condividere questa gioia enorme di tornare in A, con 18500 incredibili abbonamenti. E noi vogliamo renderli partecipi di una grande impresa: lotteremo per la salvezza, sino alla morte".

Passaggio mercato - "Prenderemo una punta, nelle ultime ore di mercato valuteremo anche altre opportunità".

Stadio in stallo - "Abbiamo investito tanto nel restyling dello stadio, sottratto delle risorse a fondo perduto. Si tratta di quattro milioni che avrebbero fatto comodo, ma ora almeno possiamo goderci questo acquisto come fosse un calciatore. Il nostro stadio è un gioiellino. Anche se con il Comune di Lecce ancora non abbiamo trovato nessuna intesa".

Unica con il marchio proprio - "Siamo l'unica della A con il materiale tecnico prodotto con il marchio proprio. Abbiamo fatturato in un anno 900mila Euro, numeri incredibili. Sottratte le spese con quella liquidità faremo grande il settore giovanile".

Nazionale - "La Federazione tiene sotto osservazione il Lecce come modello positivo, dalla gestione economica all'impegno per i lavori allo stadio sino al modo con cui accogliamo e faccimo tifare Lecce ai disabili che da quest'anno avranno un settore degno di una città civile come Lecce. Mi aspetto che il nostro stadio così bello e ammodernato possa ospitare una gara importante della Nazionale, magari molto presto, e chissà sogno che Falco vesta la maglia azzurra in quella circostanza".