Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

+++ ULTIM'ORA +++ E' stata fatta giustizia per NOEMI! "Omicidio brutale, un coltello spezzato nella testa". La sentenza

Venerdì 7 Giugno 2019 | La Redazione | Cronaca

LECCE - Lucio Marzo, il 19enne di Montesardo all'epoca dei fatti minorenne, dovrà stare 18 anni e 8 mesi a marcire in carcere, dopo aver distrutto la vita della sua fidanzatina Noemi Durini, in un maledetto 3 settembre 2017 in cui la giovane di Specchia è stata barbaramente uccisa dal ragazzo.

Anche il Tribunale d'Appello di Lecce ha confermato la sentenza della Prima Sezione Penale del Tribunale per i Minorenni: il massimo della pena per chi acquisisce il beneficio del rito abbreviato, 18 anni e 8 mesi di galera.

Omicidio volontario con l'aggravante della premeditazione e della crudeltà, la sentenza senza pietà dei giudici, per un giovanotto che aveva ucciso la sua fidanzata con un coltello con una violenza tale che la punta della lama si era spezzata dentro la testa della povera Noemi, abbandonata viva e agonizzante sotto una fila di pietre di un muretto a secco nelle campagne di Castrignano del Capo e ritrovata morta dopo giorni.