Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

PARLA LIVERANI: "in Serie B più ritmo, più fisicità. Ecco cosa serve. Domani in campo per far bene"

Sabato 5 Maggio 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Consueta intervista anche alla vigilia dell'ultimo impegno di campionato per il Lecce con il tecnico Fabio Liverani, con cui abbiamo spaziato anche sui temi legati al futuro del Lecce.

L'avversario - "Sarà una bella festa, ma sarà partita vera, anche grazie alle dichiarazioni del Presidente del Monopoli che qualche settimana fa ci aveva promesso lo stesso trattamento del Catania. Per questo mi aspetto dai ragazzi una prestazione da vincitori del girone".

SuperCoppa - "Questa appendice dirà qualcosa in chiave Serie B, ci permetterà di confrontarci con altre promosse, vedremo. L'obiettivo principale è raggiunto, ma ora vogliamo toglierci ancora altre soddisfazioni".

Turnover - "Non so se farò turnover, qualcosa cambieremo ma non regaleremo niente, giocherà chi in settimana ha dimostrato di tenerci tantissimo a questa partita. Ci può stare che qualcuno abbia staccato, nessun problema, ma ci sono calciatori con obiettivi personali, cercheremo di soddisfarli".

Indisponibili - "Per Pacilli la stagione è finita, ha avuto un problema al soleo, mentre Lepore confidiamo di recuperarlo in SuperCoppa, così come Tsonev".

La festa - "Il bagno di folla di Piazza Sant'Oronzo è qualcosa che non si può dimenticare, dimostra la passione sfrenata di questa piazza, dopo anni difficili che hanno dissanguato tutti, città e società".

Serie B - "C'è da lavorare, tanto o poco lo capiremo in base a molti fattori. Dobbiamo programmare tutto, non solo la squadra, il ritiro, le amichevoli estivi, le giovanili. Qualcosa abbiamo fatto sotto traccia, per arrivare ad alcuni obiettivi. La prossima settimana avremo degli incontri per delinare i programmi".

Settore giovanile - "In B è importante avere un vivaio importante, è il momento di investire con la consapevolezza che i primi frutti arriveranno tra cinque anni".

Differenze abissali - "C'è una differenza abissale tra Serie C e Serie B, per qualità, interesse, strutture, non solo a livello fisico e di ritmo. Serviranno calciatori di gamba e fisicità".