Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

IMPERDIBILE LIVERANI: "adesso tutti a Cremona. COSENZA MACINATO, il sogno lo costruiamo solo insieme"

Mercoledì 3 Aprile 2019 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Ecco l'intervista a fine gara dopo questo Lecce-Cosenza "travolgente" nelle emozioni al tecnico del Lecce Fabio Liverani.

La vetta - "Noi capolista? E' un momento che i ragazzi meritano, godiamocelo. Siamo stati perfetti, abbiamo preso un gol a freddo e abbiamo macinato calcio, abbiamo recuperato il risultato e continuato a testa bassa. Il pareggio ha dato linfa al nostro modo di giocare e nel secondo tempo non c'è stata storia, non c'è stata partita".

Scelte - "Ritengo che Arrigoni abbia fatto una buona partita, quello che gli avevo chiesto, Tachtsidis è un calciatore diverso, le caratteristiche sono diverse, è entrato con la sua fisicità, con le sue geometrie, ci ha dato un aiuto importante. Ma tutti i ragazzi, chi è entrato e chi è uscito, hanno fatto una partita perfetta".

Bilancio parziale - "Abbiamo fatto nove punti in tre partite, ma i numeri lasciano il tempo che trovano. Ai tifosi dico che devono sognare, devono spingerci e trascinarci. Andiamo tutti a Cremona. Credo nell'unità delle componenti, il merito dei risultati di questo finale del campionato sarà di tutti, in percentuali uguali. Se faremo qualcosa di straordinario sarà perchè ci siamo riusciti".

Braglia - "Anche Braglia ci ha fatto i complimenti per come giochiamo. Lui è un grande uomo di calcio, sono convinto delle sue parole. E' un riconoscimento che meritano i ragazzi che stanno facendo qualcosa di grande. Nella storia di questo campionato pochissime squadre hanno rimontato un gol al Cosenza, noi e il Brescia, poi basta".

Pensieri - "Se mi avessero detto a settembre che a questo punto del campionato avremmo raggiunto la vetta non ci avrei creduto. Ma sono rimasto a Lecce per fare qualcosa di importante, non per la salvezza e basta. L'obiettivo era qualcosa in più ma i ragazzi stanno andando oltre ogni limite, spinti da un affetto dilagante che ora può solo aiutarci. La positività dell'ambiente nei confronti dei ragazzi è energia pura".