Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

E' UN LECCE CHE FA SESSO: Livorno fatto a pezzi, 10mila in estasi

Domenica 17 Febbraio 2019 | Cosimo Carulli | News

LECCE - Con una grande rimonta il Lecce piega il Livorno e centra il primo successo del 2019. Sotto di due gol alla fine del primo tempo, i giallorossi ribaltano la gara nella ripresa, con una doppietta di La Mantia e un gol di Arrigoni.

Emergenza - Liverani deve fronteggiare una vera e propria emergenza a centrocampo, alle assenze annunciate di Mancosu e Scavone si aggiunge anche quella di Petriccione bloccato dall’influenza. Il tecnico rilancia Tabanelli e ripesca Arrigoni, che non giocava titolare dalla trasferta di Cosenza del novembre scorso. La partita è subito vivace, il Lecce prova a pungere soprattutto con i cross degli esterni (in due occasioni La Mantia va vicino al vantaggio sempre di testa), ma il Livorno ribatte colpo su colpo e si fa pericoloso prima con Giannetti che al 19’ costringe Vigorito a una gran deviazione in angolo, quindi con un’incursione di Kupisz che da buona posizione conclude in maniera debole e centrale.

Gelo - Non è comunque il solito Lecce, le assenze a centrocampo si fanno sentire sul piano della qualità e dell’equilibrio. E al 31’ il Livorno passa approfittando proprio di una leggerezza dei giallorossi in mezzo al campo: Bogdan parte dalla linea di metà campo e dal limite trafigge Vigorito con un destro secco e preciso che si infila nell’angolino basso (errore in coabitazione tra Falco e Tabanelli, pallone lungo in un appoggio in ripartenza). Il Lecce accusa il colpo e al 37’ arriva il raddoppio di Diamanti, che dopo un altro svarione dei giallorossi trova l’angolino con un tocco da opportunista. Il Lecce prova a reagire, Tabanelli scocca un  bel destro dai venti metri, ma il pallone termina a lato.

"Rimontona" - In avvìo di ripresa Liverani prova a dare una scossa a un Lecce abulico: dentro Tumminello al posto di Tabanelli, con uno spregiudicato 4-2-4 alla ricerca della rimonta. E il Lecce colpisce al 16’ con La Mantia che questa volta di testa riesce a metterla dentro. L’inerzia della gara gira a favore del Lecce, anche perché al 18’ il Livorno resta in dieci per l’espulsione di Fazzi (doppia ammonizione). Il Lecce cerca di approfittarne e aumenta la pressione, ma di occasioni vere e proprie non ne arrivano. Al 32' ci prova Tachtsidis da lontano, ma la mira è imprecisa. Ma al 34', dopo una serie ri rimpalli in area, arriva il gol del pari con Arrigoni, che di sinistro trova l'angolino giusto con una bella conclusione dal limite, firmando il suo primo gol in assoluto con la maglia del Lecce. E al 47' ancora La Mantia con un tocco sotto porta su assist di Haye firma il 3-2 che fa esplodere il "Via del Mare", mentre a Diamanti saltano i nervi e si fa espellere nel finale, lasciando i compagni in 9 (scarpata in faccia ad Arrigoni).

TABELLINO

LECCE - LIVORNO 3-2

Marcatori: Bogdan al 31’, Diamanti al 37’ p.t., La Mantia al 16’ s.t., Arrigoni al 34' s.t., La Mantia al 45' + 2' s.t.

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Marino, Meccariello, Calderoni; Tachtsidis (dal 39' s.t. Haye), Arrigoni, Tabanelli (dal 1’ s.t. Tumminello); Falco; La Mantia, Palombi (dal 39' s.t. Saraniti). A disposizione: Bleve, Milli, Riccardi, Di Matteo, Cosenza, Felici, Fiamozzi, Pierno). Allenatore: Liverani.

Livorno (3-4-1-2): Mazzoni (dal 1’ s.t. Zima); Gonnelli, Bogdan, Boben; Kupisz, Luci, Raicevic (dal 14’ s.t. Salzano), Fazzi; Diamanti; Giannetti, Rocca (dal 23’ s.t. Eguelfi). A disposizione: Crosta, Gasbarro, Valiani, Gori, Murilo, Soumaoro, Porcino, Dumitru, Canessa. Allenatore: Breda.

Arbitro: Massimi di Termoli.

Note: spettatori 9.554, di cui 2.550 paganti, angoli 6-3 per il Lecce, espulso Fazzi al 18’ s.t. per doppia ammonizione e Diamanti al 45' + 3' s.t. per condotta violenta, ammoniti Gonnelli, Arrigoni, Giannetti, Falco, recupero 1' p.t., 4' s.t.