Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Qui Salernitana. L'INTERVISTA: "Lecce, organizzazione perfetta. Ma i granata sanno stupire"

Domenica 2 Settembre 2018 | Matteo Bottazzo | Ospiti

SALERNO - Rifinitura ok per la Salernitana di Colantuono, già nel Salento con 24 elementi della rosa.

Non c'è Rosina, fuori lista e "tagliato" dal tecnico ex Atalanta, ma neanche il fantasista barese Bellomo, quello che per capirci aveva giurato di non accettare il Lecce durante il mercato di riparazione invernale perchè troppo tifoso del Bari (CLICCA QUI PER RILEGGERE LA NOSTRA NOTIZIA DEL 7 APRILE SCORSO).

Noi intanto, per conoscere qualcosa in più sul prossimo avversario del Lecce abbiamo intervistato il collega Lino Grimaldi Avino, Direttore Editoriale di SalernoSport24, testata di riferimento per tutto il tifo granata.

Prospettive - "A parte il solito obiettivo salvezza la società quest'anno vorrebbe centrare i play off. Nel campionato del centenario sarebbe un bel regalo per la tifoseria. Il mercato è stato positivo, con gli arrivi importanti di Di Gennaro, Djuric e Jallow, ma anche con gli innesti in mezzo al campo di Palumbo e Castiglia. La prima gara casalinga con il Palermo ha rappresentato un'occasione mancata, quasi una vittoria persa più che un punto guadagnato. La Salernitana ha sfoderato una prova maiuscola che lascia ben sperare".

Stupore Lecce - "L'impressione che ha lasciato il Lecce nella prima giornata è stata eccellente, la squadra giallorossa a Benevento ha destato un certo stupore per organizzazione tattica. Sarà una protagonista del campionato".

Tifosi - "La partita con il Lecce ha sempre alimentato una certa attesa tra i tifosi che non vedono l'ora di afrontare questa trasferta nel Salento, in uno stadio di Serie A, dove ci sarà una grande cornice di pubblico e la giusta rivalità tra le tifoserie".

Protagonista del Lecce - "Chi togliere ai giallorossi? Direi Mancosu, un calciatore che fa bene a chi guarda questo sport grazie a una tecnica splendida. Poi Lucioni, una bandiera del Benevento, ma anche Falco. Ma toglierei al Lecce soprattutto Liverani: l'aggressività del suo modo di interpretare il calcio sarà un problema per tutte le avversarie del Lecce".