Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

CHIAREZZA FALCO: "nessun caso, pretendo molto da me stesso. Ero solo incazzato nero..."

Giovedì 15 Novembre 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Con una rete al Cosenza nel finale (FOTO SOPRA) Filippo Falco ha fatto capire a tutti che questo Lecce è anche affare suo. Adesso la sosta arriva nel momento giusto: per questo il talento tarantino sta lavorando per tornare al massimo della forma. L'abbiamo intervistato.

Gioia - "Dopo un mese fermo ci voleva anche il gol per riprendere confidenza con le emozioni forti che piacciono a me. Devo ancora crescere, sono stato molto tempo senza allenarmi, questa settimana può aiutarmi molto".

Caso inesistente - "Non c'è mai stato un caso. Sicuramente dopo il cambio con il Cittadella non ero felice, ero incazzato. A Verona avrei voluto esserci, anche stare vicino alla squadra, ma non sono stato convocato. Dopo non abbiamo voluto rischiare. Io sono un calciatore molto critico con me stesso".

Posizione - "Posso giocare ovunque, da trequartista mi sento più presente nel vivo dell'azione, ma anche da seconda punta posso fare male".

Margini - "Tutti dobbiamo migliorare, remiamo tutti nella stessa direzione e certamente ci toglieremo delle soddisfazioni".

Quota 30 - "Ci dobbiamo credere, veniamo da una serie di partite tostissime e ne siamo usciti alla grande. Ora abbiamo gare sulla carta più alla nostra portata, ma solo sulla carta".

Calo finale - "Ancora pesano i punti persi nella seconda parte di qualche partita, in cui dobbiamo alzare l'asticella dell'attenzione, chiudere il conto, non far rientrare in gioco i nostri avversari".

Cremonese alla ripresa - "Lotteranno per il vertice, sarà una partita difficilissima. Hanno cambiato allenatore, sarà una gara che si vince in mezzo al campo, perchè anche il loro modulo è simile al nostro".

Le prime della classe - "Il Palermo è la squadra che mi ha impressionato di più, non gioca benissimo ma ha grande forza fisica. Sino ad oggi nessuno ci ha messo sotto dal punto di vista del gioco, chi mi ha colpito è solo il Cittadella: un gran livello di organizzazione tattica e del gioco".