Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

BARAK e PAZ, già "ubriachi" di Lecce: "entusiasmo e clima speciale. DAREMO TUTTO"

Mercoledì 5 Febbraio 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Sono stati presentati ufficialmente Antonin Barak e Nehuen Paz, i due ultimi arrivati della campagna di rafforzamento di gennaio del Lecce. Ecco le loro parole in Sala Stampa, assieme a quelle del Direttore Sportivo Mauro Meluso che dopo qualche assenza ha voluto presenziare a questa conferenza.

Parla Barak - "Sono felice di essere qui a Lecce, mi sono trovato bene dal primo minuto del mio arrivo. Ho attorno grande fiducia, è stato emozionante debuttare con un gol, ho scoperto una tifoseria molto calda, starà a noi regalare soddisfazioni. Ho uno stimolo a far bene già in casa, mia moglie è una ex calciatrice, quando gioco male è sempre lì a criticare, quindi toccherà impegnarmi anche in questa nuova avventura. Il mio riferimento resta Nedved, per professionalità e forza fisica e tecnica".

Parla Paz - "Pochi minuti, ma che mi hanno reso felice. Ho seguito i compagni dalla panchina, posso dire che con il Torino abbiamo disputato davvero una grande gara. A Bologna non ho trovato tanto spazio, ma mi sono allenato sempre in gruppo, senza mai problemi. Quando è arrivata la chiamata del Lecce non ci ho pensato un attimo. Voglio aiutare questa squadra a raggiungere la salvezza, pensiamo subito al Napoli e alle insidie che avrà questa partita contro grandi campioni e soprattutto attaccanti fortissimi".

Parla il DS Meluso - "Credo che questi ragazzi ci daranno una grossa mano, sono contento del loro arrivo e soddisfatto del mercato di gennaio. Volevamo soprattutto migliorare in mezzo al terreno di gioco, in fatto di centimetri e forza muscolare, siamo convinti di aver centrato questo obiettivo. Stiamo cercando una sistemazione per Imbula che è rimasto fuori lista, ci sono dei mercati ancora aperti all'estero dove potremmo cederlo. Anche per questo non siamo riusciti a fare un attaccante nelle ultime ore del mercato, una esigenza che è nata a poche ore dalla chiusura delle trattative e che mi ha avanzato Liverani. Ma avevamo 18 slot tutti occupati, con anche Imbula 19° elemento escluso dalla lista ufficiale della Lega. Le critiche fanno parte del gioco, purchè non siano subdole: se qualcuno me le fa direttamente le accetto come un DS deve naturalmente fare".