Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LIVERANI AMMETTE: "vicenda Scavone, sono stati giorni durissimi. Haye e Tabanelli per una maglia"

Domenica 10 Febbraio 2019 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Sono stati giorni durissimi. Ad ammetterlo in Sala Stampa è Fabio Liverani, che abbiamo sentito prima della partenza del Lecce per Venezia. Dall'infortunio di Scavone alle scelte tattiche, ecco il punto.

La settimana - "Sicuramente abbiamo passato giorni difficili. Per fortuna le notizie sulle condizioni di Scavone sono state positive, non ci saranno conseguenze sulla vita del ragazzo ed è un sollievo. Il resto conta poco, tutto si può sistemare. Riprendiamo con applicazione e umiltà, è una trasferta difficile contro una squadra arrabbiata per la sconfitta maturata a Benevento e per il recente periodo poco positivo. Servirà attenzione e più accortezza del solito".

Falco c'è - "E' convocato, ha recuperato più velocemente del previsto. Insieme a lui e allo staff medico decideremo sul suo impiego. Quando un calciatore è convocato per me è utilizzabile".

Il posto di Scavone - "Se lo giocano Haye e Tabanelli, sono loro in ballottaggio. La notte mi porterà consiglio".

Rinviare l'Ascoli - "E' stata una scelta saggia, i vertici del calcio hanno capito che sarebbe stata una partita falsata. La scelta ha superato gli interessi della tv e quelli economici, è stato un momento umano bello".

Giocare molto dopo - "Non giochiamo da un po', ma non conta nulla. Da qui alla fine del campionato mancano 48 punti, non ci deve essere problema psicologico nel vedere gli altri giocare e noi stare fermi".

Tumminello - "Sarà un inserimento graduale, perchè viene da qualche problema fisico. Si è integrato in gruppo, ci darà una mano. E' un calciatore che vuole giocare, si contenderà sempre il posto. Può cambiare la partita anche a gara in corso".

Saraniti - "Può essere utile ovunque, è un ragazzo che può aiutare la squadra, è un giocatore già del gruppo. Voleva tornare, abbiamo avuto questa percezione, l'abbiamo accontentato perchè di sicuro avrà tanta voglia".

Palermo - "Ho passato anni fantastici, dispiace la situazione attuale di incertezza. In altri tempi sarebbe scattata la forza di questa città, come quando ha portato 40mila tifosi a Roma per la Finale di Coppa Italia TIM. Ora è desolante vedere lo stadio vuoto. Auguro al Palermo tutto il meglio possibile, mi piange il cuore a vedere queste situazioni".