Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

STICCHI DAMIANI, da non perdere: "l'arbitro? Ha cambiato il corso degli eventi. Pubblico cresciuto: ha capito che abbiamo lottato"

Lunedì 23 Settembre 2019 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - SoloLecce.it ha intervistato il Presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani con cui abbiamo fatto il punto dopo la pesante sconfitta di ieri dei giallorossi con il Napoli. Un'intervista da non perdere.

Pubblico - "Vorrei partire dal pubblico: ripartiamo dall'applauso che abbiamo ricevuto alla fine. Lecce sta maturando tantissimo, sei anni di C hanno fatto bene: tutti i 20mila hanno capito che ci siamo battuti. E' di grande incoraggiamento per mercoledì, a Ferrara ci giochiamo una partita del nostro campionato, quello della classifica della colonna di destra".

Rigore - "Non c'era bisogno di farlo ripetere, è stata una forzatura in una gara spettacolare che andava avanti da sola, senza bisogno del protagonismo arbitrale. C'era una piccola che a fatica cercava di contrapporsi a una squadra straordinaria, non c'era bisogno di cambiare il corso degli eventi. Ha messo una pietra sulla partita, non c'era bisogno di fare i pignoli a tutti i costi, altrimenti ripetiamo anche il secondo, no...? L'impressione mia però resta il nocciolo della questione espresso in precedenza: non c'era bisogno di incidere su una gara meravigliosa, bastava lasciare andare gli eventi, non modificarli così nettamente".

La gara - "E' stata bella mezz'ora, abbiamo avuto un pizzico di sfortuna sul primo gol, l'abbiamo preso praticamente per caso, sino a quel momento eravamo stati ottimi difensivamente, ribattevamo colpo su colpo. Per fare punti con una grande, mettiamocelo in testa, serve: una prestazione grandissima, straordinaria e dall'altra parte una gara sotto le attese. Da sola una gara perfetta neanche basta".