Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

LIVERANI SPINGE TUTTI: "non abbiamo limiti, corriamo per ogni obiettivo. ECCO I DUBBI IN MEZZO E DAVANTI"

Sabato 16 Marzo 2019 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - Ecco le parole di Fabio Liverani alla vigilia di Crotone-Lecce. Questa mattina abbiamo lungamente intervistato il tecnico leccese, prima della partenza dei giallorossi per il ritiro in Calabria.

Indisponibili - "Continuano le assenze, c'è fuori anche Fiamozzi con Bovo e Palombi, oltre a Scavone. Speriamo di recuperare Fiamozzi e Palombi per i prossimi impegni imminenti, presto saranno aggregati in squadra. Scavone dovrebbe rientrare tra Pescara e Cosenza, Bovo ancora dopo".

Crotone - "Squadra solida, che per organico era data tra le più forti in estate, poi ha avuto delle difficoltà e si sono ritrovati indietro in classifica, ma ne stanno uscendo. Difficilmente si vince a Palermo e Salerno, hanno dimostrato dei valori e qualità tecniche importanti. Noi stiamo bene, vogliamo continuare a restare in alto in classifica, senza escludere nessuna prospettiva. Rispetto all'andata hanno Benali, poi Spolli dal mercato di gennaio, l'ossatura è rimasta la stessa ma mentalmente stanno meglio".

Cinismo - "I ragazzi dopo Palermo hanno acquisito la consapevolezza che gli errori hanno un valore più alto in questa fase. E con il Foggia si è vista una squadra ancora più attenta, determinata, affamata. Da ora in poi le partite sono così, tutti giocano senza margini di errori, noi compresi".

Varianti - "A centrocampo potremmo cambiare qualcosa: Tachtsidis e Majer non sono al massimo, vedremo. Per fortuna nessuno dei due è stato convocato in Nazionale, con l'Ascoli nel recupero potremo contare su di loro magari in forma piena. C'è una possibilità concreta anche per Tumminello davanti: è in ballottaggio per una maglia, ma vedremo se dall'inizio o comunque a gara in corso. Farà parte certamente di questi novanta minuti".

Trittico - "Dopo la gara con il Cosenza definiremo i nostri obiettivi, capiremo per cosa corriamo".