Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

RISPOLI, OPERAZIONE RILANCIO: "con la Samp la posta è alta"

Martedì 30 Giugno 2020 | Marco Errico | News

LECCE - Andrea Rispoli vede un Lecce pronto a giocarsi le sue carte con la Sampdoria, vero e proprio spareggio anticipato in chiave salvezza.

Ecco la nostra intervista dopo la buona prova personale di Torino in casa della Juventus.

Rimpianti - "La sconfitta di Torino ci ha lasciato un po' di rammarico, per quel che abbiamo dimostrato contro una squadra importante. Peccato, stavamo facendo una grande gara, poi gli episodi ci hanno penalizzato. Siamo partiti forte, mezz'ora ad alti livelli contro la Juventus, abbiamo creato anche delle occasioni. Dispiace non aver fatto punti".

Condizione - "Dopo una sosta così lunga era difficile rientrare forti, stiamo prendendo condizione giocando. Non abbiamo fatto punti in queste due partite, ma abbiamo giocato contro Milan e Juventus. Le nostre avversarie dirette in queste due giornate hanno raccolto poco o nulla, ora dobbiamo iniziare a fare punti noi".

Bilancio - "E' soddisfacente in questo momento almeno nella continuità in cui sono stato impiegato, ma mi manca qualche gol e qualche assist che ho sempre fatto. I primi mesi sono stati difficili, sono arrivato a Lecce senza preparazione estiva, con il passare del tempo è migliorata la condizione, è stato fondamentale".

Mentalità - "Adesso ogni partita avrà una sua storia indipendente. Se entriamo in campo con l'approccio sbagliato, dunque, non c'è scampo. Ora dobbiamo affrontare tutti come la Juventus".

La Sampdoria - "Importante, non determinante, mancano troppe partite. La posta in palio è però altissima, le due squadre giocheranno anche per mettere a proprio favore lo scontro diretto".

Stadio vuoto - "Con il Milan c'era una atmosfera strana, non contare sui propri tifosi in una gara da pienone è davvero complicato. Dobbiamo adattarci in fretta, a questo territorio la gioia della permanenza dobbiamo regalarla noi, da soli"