Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

CARICA STICCHI DAMIANI. E' la settimana di Foggia: "noi, nati per tenere testa a tutti"

Mercoledì 24 Ottobre 2018 | Matteo Bottazzo | News

LECCE - E' la settimana di Foggia-Lecce, che torna dopo i tanti confronti importanti in Serie C sul palcoscenico più prestigioso della cadetteria. E torna, finalmente, con la trasferta aperta a tutti i tifosi del Lecce pronti ad "invadere" la Capitanata con 1500 cuori giallorossi al seguito del Lecce (CLICCA QUI PER LA NOSTRA ANTEPRIMA SULLA TRASFERTA LIBERA E I DETTAGLI SULLA PREVENDITA).

E proprio nel vivo di questa settimana non possiamo che proporre ai nostri lettori le riflessioni del Presidente della società giallorossa Saverio Sticchi Damiani.

Come con il Palermo - "Andiamo a Foggia per esprimere il nostro calcio, per dimostrare di essere nati per tenere testa a tutti. E' un fatto bellissimo se ci guardiamo alle spalle e pensiamo ai tempi della Serie C: per questo la tifoseria, così come sta facendo, deve stare vicino a questi ragazzi. Il passo falso con il Palermo mi brucia ancora, abbiamo giocato bene contro una squadra forte, molto forte, con tanti calciatori di livello europeo. Avremmo meritato il pareggio, solo cinque minuti in più e ci saremmo riusciti, ma non si ferma il nostro periodo di crescita, è stata una prova di maturità, superata a pieni voti direi".

Forti nell'insieme - "Chiunque viene chiamato in causa in questo Lecce offre il massimo. Abbiamo affrontato il Palermo e probabilmente faremo ugualmente anche con il Foggia senza elementi del calibro di Bovo, Lucioni, Falco, top player della categoria. Ma giochiamo alla pari, questo ci fa sperare e credere nel futuro".